• +39-3358117997
  • info@bimpianti.it

Quanto costa un sistema di sicurezza

Quanto costa un sistema di sicurezza

“La situazione economica in cui versiamo ormai da tempo ha accentuato una tendenza già purtroppo presente in molti mercati, mercato della sicurezza incluso: l’attenzione al prezzo. Oggi il mercato sembra avere totalmente smarrito il senso del valore di un bene per concentrarsi unicamente sul costo. Del resto, quante volte mentre acquistiamo qualcosa, ci soffermiamo esclusivamente sul cartellino? Ma il punto è: siamo davvero sicuri di aver ottenuto il meglio acquistando al minor prezzo?”

Tratto da Security online magazine del 19/04/2017

 

Il processo d’acquisto si dovrebbe aprire con una fase decisionale, nella quale non possono essere certamente trascurati:

  • la qualità del prodotto che andremo a scegliere
  • le funzionalità operative del sistema, che nel lungo periodo fanno risparmiare tempo e denaro
  • i costi indiretti e intangibili, che sono i guasti atipici durante il ciclo di vita dei prodotti e che aumentano con il passare del tempo
  • i costi di riparazione e manutenzione ordinaria del sistema
  • eventuali disservizi di un sistema inagibile, costo inquantificabile ma che in ultima sede grava sul cliente finale

La somma di queste considerazioni ci consente di affermare che un prezzo di acquisto più basso non è per sua natura sinonimo di valore a lungo termine o di migliore ritorno sugli investimenti.

Come dunque quantificare ed individuare correttamente i costi diretti e indiretti in un sistema di sicurezza nell’arco del suo intero ciclo di vita?

Molte volte il cliente per proteggersi dall’impatto con un tecnologia poco conosciuta, o al contrario, perché si considerano esperti, cercano di valutare e comparare le offerte senza accorgersi di quali siano i requisiti che effettivamente danno il valore al prodotto e sulla base dei quali si determina una differente valorizzazione  economica.

I clienti, ad esempio, non possono essere in grado di conoscere la differenza tra un sistema di videosorveglianz in tecnologia IP ed un sistema di videosorveglianza con tecnologia analogica. Ne consegue solo la percezione di una grande differenza di prezzo che inevitabilmente lascia spazio a false considerazioni, per cui chi propone il sistema IP sia meno onesto o più caro.

 

Allora come bisogna agire?

Prima di tutto il cliente deve sapere che anche gli installatori si trovano ogni giorno a dover verificare le “reali” caratteristiche tecniche e funzionali dei prodotti. Prodotti, in particolare quelli ben posizionati sul mercato per via di una efficace campagna pubblicitaria, che di fatto non rispecchiano le prestazioni necessarie per rientrare negli standard minimi di sicurezza.

Pertanto il primo passo da fare è quello di trovare un installatore di fiducia, un professionista serio e competente, che sia in grado di realizzare un progetto completo.

Generalmente in tutti i settori sicurezza compresa, le marche più affidabili sono poche ed anche loro si differenziano per punti di forza e fattori di debolezza. Non esiste marchio che ha tutte le caratteristiche desiderate. Quindi durante la scelta è necessario scendere a compromessi e solo uno specialista aggiornato e preparato puo farlo.

Cosa non fare mai?

  • basare l’analisi sulle proprie conoscenze se non si è del settore
  • affidarsi ad un installatore non qualificato ed evitare chi lo fa come secondo lavoro
  • affidarsi a chi non è specificatamente del settore sicurezza
  • acquistare i prodotti (anche su internet) senza comprendere fino a fondo le caratteristiche tecniche
  • Immaginare un sistema che non sia efficiente sotto il punto di vista della sicurezza
  • Installare un sistema (anche costoso), ma che per incapacità dell’installatore non rende la corretta funzionalità
  • Installare un sistema inefficiente sia dal punto di vista dei prodotti che della realizzazione

Per fare un esempio, è ormai convinzione comune, che un allarme senza fili sia scadente o non perfettamente sicuro riepetto ad unsistema filare, che per sua natura è più complicato e più  costoso. Chiaramente questa convinzione, che vede il sistema senza fili inferiore al filare, non risponde al vero o quantomeno va precisato che un sistema senza fili valido è perfettamente sicuro come un filare. Anche in questo caso va tenuto conto delle “reali” caratteristiche tecniche e non della conscenza della marca. Valido vuol dire che sia sicuramente certificato ed almeno di “GRADO 2“. Attualmente  di centrali wireless certificate ne esistono molto poche.

Le tipologie di cliente

Possiamo così dividere i clienti in due categorie: coloro che “comprano il prezzo” e quanti invece “comprano il prodotto”. Sono questi ultimi quelli che cercano la soddisfazione di un insieme di benefici per loro importanti. Sono coloro che valutano che le diverse offerte presenti sul mercato, li soddisfano in modo differenziato e disponibili a pagare un prezzo adeguato per ottenere la realizzazione del loro obiettivo “la sicurezza”. Sono solo questi ultimi che capiscono “perché” un sistema di sicurezza non può essere acquistato solo per il prezzo

Il preventivo questo sconosciuto…

Quale è la prima cosa che si guarda al ricevimento di un preventivo? Generalmente solo il prezzo del lavoro! In questo caso neanche un esperto saprebbe scegliere.

Le principali caratteristiche da individuare sono:

  • la marca di antifurto proposto
  • analisi dei componenti preventivati
  • valutazione della tipologia di sensori proposti
  • la qualità e la competenza offerta dall’installatore

Il sopralluogo

Solitamente la richiesta di preventivo è anticipata dalla richiesta di un sopralluogo.

Sul sopralluogo, che per un professionista ha un costo, andrebbero fatte moltissime considerazioni, ma chiediamo soltanto di non abusare della gentilezza delle aziende quando non lo fanno pagare. E’ necessario sapere che un professionista sa valutare la reale necessità di una visita ispettiva.

Se si punta ad un preventivo molto economico è meglio chiarirlo sin dal primo contatto, in questo caso ci si po’ accordare sulla formula mista, ovvero il costo del sopralluogo viene addebitato ma poi scalato nel caso in cui venga accettato il preventivo.

Semplicità di utilizzo

Una delle cose che i clienti ci chiedono molto spesso è che il prodotto sia semplice da usare.

E’ bene chiarire che i sistemi più costosi sono sempre i più semplici in assoluto.

Quasi sempre i prodotti economici in commercio hanno invece modi complicatissimi anche per operazioni di inserimento e disinserimento. La ragione di questa complicazione è facilmente spiegabile: per avere un interfaccia uomo macchina semplice è necessaria una programmazione più complessa ed accurata e quindi più costosa.

 

Ci auguriamo di avervi fornito alcune fondamentali informazioni per la scelta di un sistema di sicurezza e di aver cercato di salvaguardarvi dalla situazione purtroppo sempre più ricorrente: dove per risparmiare si spende due volte, ovvero una per un sistema non funzionante ed una per il ripristino (a volte impossibile!).

 

Osvaldo Bizzarri

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: