• +39-3358117997
  • info@bimpianti.it

Archivio dei tag casa

Antifurto per la casa

L’antifurto è un componente fondamentale in tutte le tipologie di abitazioni.

Un sistema di allarme antifurto che con la sua sirena faccia molto rumore è un deterrente per evitare che il furto possa essere portato a termine.

Scegliere sempre un antifurto efficente e valido, perchè i malintenzionati sono sempre più informati sui sistemi antintrusione.

Senza fili

Abbiamo disponibili una serie di prodotti che ci permetteranno di installare sistemi di allarme all’avanguardia, anche completamente senza fili e quindi senza lavori in casa.

Comunicazione telefonica GSM

La gestione delle comunicazioni avviene attraverso un modulo GSM ed una particolare carta telefonica che sceglie il gestore con il maggior livello di ricezione.

Gestione da smartphone

Il nostro sistema è completo di una semplicissima APP per smatrphone che a distanza permette di gestire autonomamente tutto il sistema.

Certificazioni

Il sistema di allarme da noi proposto è certificato “grado 2” questo significa che, un organismo di certificazione, riconosciuto a livello europeo, verifica che i prodotti messi in commercio siano conformi a norme specifiche emanate per ogni singolo prodotto. Questo tipo di certificazione attesta, sulla base di verifiche ispettive ed eventuali campionamenti, che il produttore sia in grado di realizzare un bene conforme a determinate caratteristiche specificate.

Perimetrale

Particolari ed esclusivi sensori  sensori a tripla tecnologia per l’esterno della casa garantisconbo una protezione a prova di falsi allarmi.
Ulteriori sensori sulle porte e sulle finestre faranno scatenare una sirena esterna da oltre 110 decibel e/o avvertendvi con messaggi SMS o messaggi vocali in caso di intrusione.

Osvaldo Bizzarri

banner1

Rokonet Risco Agility

Agility

Centrale di allarme antifurto Risco Agility, un sistema di allarme senza fili bidirezionale.
Cosa significa bidirezionale?
Bidirezionale stà a significare la possibilità della centrale di allarme di comunicare con i sensori e viceversa.
Un esempio, in un sistema convenzionale, un sensore che rileva un allarme lo invia alla centrale, ma non è in grado di sapere se questa lo ha ricevuto, mentre nel sistema bidirezionale, il sensore invia un segnale di allarme e la centrale lo conferma, inoltre con il sistema radio bidirezionale è possibile regolare le tarature dei sensori o degli accessori direttamente dalla centrale, tramite l’apposito software di programmazione.

Alcune regole per la sicurezza

Le abitazioni sono frequentemente teatro di furti e di abusi, è probabile che i malviventi si introducano in casa durante l’assenza dei proprietari, anche se oggi, sempre più spesso, la presenza di persone nelle abitazioni non scoraggia i ladri.

Una regola rimane fondamentale: meglio prevenire che curare.

– La prima cosa da fare è quella di rendere la nostra abitazione il meno appetibile possibile al malvivente.

– Una delle regole principali: meglio non avere orari troppo ripetitivi e abitudini costanti, è di esempio la massaia che tutti i giovedì mattina, quando i figli sono a scuola e il marito è al lavoro, si reca al supermercato per la spesa settimanale, questo significa come minimo un’ora di tempo per ripulire la casa, in effetti questo è uno dei motivi del perchè, una buona parte dei furti in abitazione sono fatti durante il giorno.

– Nella fattispecie della casa isolata (villa con giardino) sarà bene avere un cane da guardia addestrato a far tanto rumore, senza avvicinarsi troppo all’intruso per evitare di essere addormentato o, peggio ancora, soppresso; cosa più importante esso deve mangiare unicamente dalle mani del padrone.
Sono molto efficaci anche quei piccoli quadrupedi che stanno in casa e abbaiano sempre: fanno un gran baccano appena qualcuno si avvicina alla porta e sono chiamati anche ” cani da appartamento”.

Vicino ai muri perimetrali della casa è meglio non piantare cespugli o alberi atti a nascondere una sagoma umana. Le luci esterne, soprattutto se hanno i sensori volumetrici che le fanno accendere automaticamente al passaggio della persona sono molto adatte a disorientare l’eventuale intruso e soprattutto a segnalare la sua posizione; oggi l’installazione e il costo è alla portata di tutti.

È prudente non lasciare all’esterno attrezzature da giardinaggio adatte a scassinare porte e finestre. Anche quando non siamo in casa, è meglio lasciare le persiane aperte, le tende abbassate e magari la televisione accesa. E perfettamente inutile, infatti, chiudere i serramenti esterni e accendere le luci del giardino significa dichiarare che l’abitazione è vuota. L’intruso sarà, quindi, preparato a interrompere il sistema di allarme e a forzare le persiane con una comunissima leva.

– Se non abbiamo in casa una collezione di Renoir, è molto difficile che un vero “professionista” del furto prenda di mira la nostra abitazione. I nuovi antifurti permettono di proteggere parti dell’abitazione escludendone altre, possiamo cosi inserire l’antifurto che protegge finestre e muri esterni perimetrali quando andiamo a dormire o guardiamo la televisione, saremo avvertiti in caso qualcuno si avvicini troppo alla casa e quando siamo fuori può chiamarci al cellulare.

– Di norma i piccoli furti avvengono per mano di comuni delinquenti che non scelgono particolari abitazioni, ma “vagano” da un isolato a un altro in cerca di una facile preda. Sarà allora conveniente rendergli fin da subito la vita dura.

– Riguardo agli appartamenti, la situazione cambia leggermente, fatti salvi i comportamenti preventivi da porre in essere durante la nostra assenza e descritti precedentemente.

– Le intrusioni nei palazzi possono essere più difficoltose in virtù della presenza di una portineria.

– E utile parlare con i vicini di casa così da instaurare un proficuo rapporto di collaborazione. E capitato che l’inquilino del piano di sopra abbia sentito forti rumori, non conoscendo le abitudini del vicino, ha pensato a lavori di muratura. Di fatto erano delinquenti vestiti da operai che stavano abbattendo una porta blindata. Chi abita in condominio e si sa organizzare, può considerare la sua abitazione generalmente ben protetta, anche se il proprio appartamento è al primo piano.

– Oltre ai comportamenti preliminari appena descritti, possiamo proteggere la nostra casa con diversi sistemi di allarme. Per quanto ci riguarda, a meno che la nostra casa non sia un museo di arte contemporanea, la soluzione migliore sarebbe quella di installare un sistema di allarme silenzioso. Quando attivato ci indicherà, anche a distanza tramite telefono, l’eventuale intrusione, senza insospettire minimamente il ladro. Potremo così avvertire in modo fulmineo e discreto le forze dell’ordine per effettuare un sopralluogo.

1