• +39-3358117997
  • info@bimpianti.it

Archivio dei tag fili

Sistemi di allarme antifuro senza fili

AgilityI sistemi di antifurto senza fili, sono spesso l’unica soluzione per installare un impianto di allarme, in particolar modo in ambienti dove non si desidera o non si possono stendere cavi e/o tubazioni  per i tradizionali sistemi cablati.

 

La moderna tecnologia consente di avere sistemi di allarme senza fili con caratteristiche di sicurezza e prestazioni fino a pochi anni fa impensabili, non certamente al pari dei sistemi cablati ma sufficentemente simili, vengono pertanto impiegati in tutte le tipologie di installazione.

Risco ha in catalogo un interessante prodotto il sistema Agility. Il sistema Agility per la sicurezza delle persone, l’antintrusione e la domotica.
La centrale Agility, con un design elegante, incorpora un’avanzata tecnologia radio Bi-Direzionale, questo significa che la centrale comunica con i sensori, ma anche che i sensori comunicano con la centrale, ed è la soluzione ideale per il mercato residenziale e commerciale.
La flessibilità nella trasmissione degli eventi permette di scegliere una qualsiasi combinazione tra PSTN, GSM/GPRS e IP (Lan e Internet).

Il cuore del sistema è l’unità centrale alla quale fanno capo tutti i componenti.
L’Inserimento il disinserimento o la parzializzazione vengono gestiti da uno o più telecomandi di tipo Rolling-code oppure da tastiera, dotata quest’ultima di un ampio display.

I sensori di rilevamento, in base alle specifiche esigenze, possono essere di vario tipo, infrarosso, magnetici, sismici, ecc…, e inviano a mezzo di onde radio tutte le informazioni alla centrale, compresa la relativa supervisione, lo stato delle batterie interne, allarme, manomissione ecc.
Tutti questi dispositivi sono alimentati da una serie di batterie interne che vànno periodicamente sostituite (indicato sul display) .

Salute, cellulari e WiFi: i pericoli dell’elettrosmog

          
Salute, cellulari e WiFi: i pericoli dell’elettrosmog
 
C’è confusione sul rapporto tra salute e tecnologia. Gli studi scientifici sono discordanti e, per adesso, mancano le conferme per danni certi sul lungo periodo. Ma c’è anche chi sostiene che le onde elettromagnetiche siano un pericolo reale

C’è grande confusione. Quando si parla di cellulari, reti senza fili, emissioni elettromagnetiche ad alta frequenza, si apre la discussione: l’elettrosmog è davvero dannoso per la salute?
Secondo alcuni studiosi le onde elettromagnetiche sono in grado di provocare tumori e leucemie (specie nei più piccoli), secondo altri c’è il rischio che gli effetti siano percepiti in maniera particolare dai cosiddetti elettrosensibili: persone che in presenza di campi elettromagnetici avvertono mal di testa, vertigini, insonnia e dolori muscolari. Ancora, secondo altri, gli effetti nel lungo termine sono da accertare. In pratica non esistono evidenze scientifiche che le emissioni danneggino l’organismo nel lungo periodo e che i limiti d’esposizione fissati dalle autorità siano sufficienti a proteggere la salute.
Infine, c’è chi pensa che quei limiti siano troppo alti e vadano rivisti.

1