• +39-3358117997
  • info@bimpianti.it

Archivio dei tag sistema

Quanto costa un sistema di sicurezza

“La situazione economica in cui versiamo ormai da tempo ha accentuato una tendenza già purtroppo presente in molti mercati, mercato della sicurezza incluso: l’attenzione al prezzo. Oggi il mercato sembra avere totalmente smarrito il senso del valore di un bene per concentrarsi unicamente sul costo. Del resto, quante volte mentre acquistiamo qualcosa, ci soffermiamo esclusivamente sul cartellino? Ma il punto è: siamo davvero sicuri di aver ottenuto il meglio acquistando al minor prezzo?”

Tratto da Security online magazine del 19/04/2017

 

Il processo d’acquisto si dovrebbe aprire con una fase decisionale, nella quale non possono essere certamente trascurati:

  • la qualità del prodotto che andremo a scegliere
  • le funzionalità operative del sistema, che nel lungo periodo fanno risparmiare tempo e denaro
  • i costi indiretti e intangibili, che sono i guasti atipici durante il ciclo di vita dei prodotti e che aumentano con il passare del tempo
  • i costi di riparazione e manutenzione ordinaria del sistema
  • eventuali disservizi di un sistema inagibile, costo inquantificabile ma che in ultima sede grava sul cliente finale

La somma di queste considerazioni ci consente di affermare che un prezzo di acquisto più basso non è per sua natura sinonimo di valore a lungo termine o di migliore ritorno sugli investimenti.

Gli impianti di videosorveglianza a Roma. I sistemi avanzati

Gli impianti di videosorveglianza si sono imposti come strumento di eccezionale validità nel migliorare il livello di sicurezza di un insediamento industriale, commerciale, bancario o del terziario.

Per questa ragione un buon  progettista si rende disponibile per progettare ed installare sistemi di video sorveglianza, basati su telecamere del tipo PTZ (a brandeggio) oppure del tipo bullet o le minidome (le classiche a semisfera) o le ultimissime Speedome telecamere con ottica e zoom brandeggiate e motorizzate inoltre dotate di un illuminatore infrarosso di profondità in grado di vedere anche al buio, le cui immagini vengono convogliate in un apparato centrale di monitoraggio e registrazione chiamato NVR (Network Video Recorder).

Rokonet Risco Agility

Agility

Centrale di allarme antifurto Risco Agility, un sistema di allarme senza fili bidirezionale.
Cosa significa bidirezionale?
Bidirezionale stà a significare la possibilità della centrale di allarme di comunicare con i sensori e viceversa.
Un esempio, in un sistema convenzionale, un sensore che rileva un allarme lo invia alla centrale, ma non è in grado di sapere se questa lo ha ricevuto, mentre nel sistema bidirezionale, il sensore invia un segnale di allarme e la centrale lo conferma, inoltre con il sistema radio bidirezionale è possibile regolare le tarature dei sensori o degli accessori direttamente dalla centrale, tramite l’apposito software di programmazione.

Impianti di videosorveglianza Roma

L’adozione e l’installazione di sistemi di videosorveglianza è oggi in forte crescita. I furti, le rapine, gli atti di terrorismo e le aggressioni, hanno aumentato in modo esponenziale la richiesta per questo tipo di impianti. 

videosorv

Le dimensioni assunte dal fenomeno della videosorveglianza, specie negli ultimi anni e le problematiche che l’utilizzo di queste nuove tecnologie sollevano, hanno spinto il “garante sulla privacy” ad intervenire per individuare un punto di equilibrio tra esigenze di sicurezza, prevenzione, repressione dei reati, diritto alla riservatezza e libertà delle persone.
Un’attenta progettazione deve tener conto, se non si vuole incorrere in sanzioni, di questo aspetto non secondario, che questo tipo di sistemi elettronici porta con sè.

Sistemi di allarme antifuro senza fili

AgilityI sistemi di antifurto senza fili, sono spesso l’unica soluzione per installare un impianto di allarme, in particolar modo in ambienti dove non si desidera o non si possono stendere cavi e/o tubazioni  per i tradizionali sistemi cablati.

 

La moderna tecnologia consente di avere sistemi di allarme senza fili con caratteristiche di sicurezza e prestazioni fino a pochi anni fa impensabili, non certamente al pari dei sistemi cablati ma sufficentemente simili, vengono pertanto impiegati in tutte le tipologie di installazione.

Risco ha in catalogo un interessante prodotto il sistema Agility. Il sistema Agility per la sicurezza delle persone, l’antintrusione e la domotica.
La centrale Agility, con un design elegante, incorpora un’avanzata tecnologia radio Bi-Direzionale, questo significa che la centrale comunica con i sensori, ma anche che i sensori comunicano con la centrale, ed è la soluzione ideale per il mercato residenziale e commerciale.
La flessibilità nella trasmissione degli eventi permette di scegliere una qualsiasi combinazione tra PSTN, GSM/GPRS e IP (Lan e Internet).

Il cuore del sistema è l’unità centrale alla quale fanno capo tutti i componenti.
L’Inserimento il disinserimento o la parzializzazione vengono gestiti da uno o più telecomandi di tipo Rolling-code oppure da tastiera, dotata quest’ultima di un ampio display.

I sensori di rilevamento, in base alle specifiche esigenze, possono essere di vario tipo, infrarosso, magnetici, sismici, ecc…, e inviano a mezzo di onde radio tutte le informazioni alla centrale, compresa la relativa supervisione, lo stato delle batterie interne, allarme, manomissione ecc.
Tutti questi dispositivi sono alimentati da una serie di batterie interne che vànno periodicamente sostituite (indicato sul display) .

Un sistema di allarme al passo con i tempi

Molto spesso ci imbattiamo in situazioni paradossali, l’ultima avvenuta pochi giorni fa, furto in un locale protetto da antifurto e videosorveglianza appena realizzati.

Il problema, non crediamo sia da ricercare nei modi rocamboleschi nei quali il furto è avvenuto, impianto di allarme disattivato, sensori di bassa qualità oscurati con delle pellicole di plexigalss, DVR della videosorveglianza a portata di ladro e quindi rubato. Insomma un sistema di allarme e di videosorveglianza estremamente vulnerabile e con le istruzioni “on line” per disattivarlo e renderlo inefficace.

Chiaramente le colpe non sono mai da attribuire ad una singola persona ma ad una moltitudine di combinazioni sfavorevoli.
Cerchiamo di capire quali sono i punti chiave nella valutazione e progettazione di un sistema di allarme antifurto e videosorveglianza.

Sistemi di sicurezza impianti di allarme e videosorveglianza – Roma –

centrale8-64 Per scegliere il sistema d’allarme, bisogna identificare le reali esigenza di sicurezza, l’ubicazione, la concentrazione e la vicinanza di altre case può essere importante. Come importante è considerare che se la casa è lasciata per lunghi periodi incustodita e si trova in una zona isolata, il ladro ha maggiori possibilità di non essere visto e per questo il furto risulta essere più facile.

Teniamo ben presente che lo scopo di un sistema di sicurezza è quello di scoraggiare o di ritardare le intrusioni. E’ inoltre provato che installando un sistema di sicurezza si riducano del 60% le probabilità di subire un furto. Oggi tutto questo è possibile con costi di installazione che ogni giorno si riducono e tecnologie sempre nuove che garantiscono l’efficacia della rilevazione e l’assenza di fastidiosi falsi allarmi. I nuovi sistemi di sicurezza sono in grado di intercettare e disorientare il ladro e, se sono collegati a centri di pronto intervento, vigilanze carabinieri polizia, consentono di coglierlo in flagrante.

 

Centrale Tecnoalarm TP 4/20

La centrale del sistema TP 4-20 è stata concepita per ofire il miglior rapporto qualità/prezzo nella realizzazione di impianti medio-piccoli, ed è quindi particolarmete indicata per piccoli negozi, uffici ed attività professionale, appartamenti e case di villeggiatura.

La centrale di allarme TP4-20 è una centrale d’allarme a microprocessore di nuova generazione, di semplice utilizzo.
Gestisce da 4 fino ad un massimo di 20 ingressi selezionabili tra gli ingressi sulla CPU, o sui moduli di ingressi aggiuntivi su linea seriale oppure sul modulo radio opzionale.
La centrale può essere programmata dall’installatore da PC oppure attraverso le console (LCD020 oppure LCD012) .
L’utente finale potrà invece eseguire alcune semplici programmazioni utilizzando le console oppure l’esecuzione di altre funzioni sempre attraverso la console oppure da punti chiave o tastierine aggiuntive.
La console LED06 potrà invece essere utilizzata unicamente per comandare la centrale. Attraverso tale console non sarà possibile eseguire alcuna programmazione.

Nonostante questa centrale sia dimensionata per gestire un numero massimo di 20 ingressi di zona, essa offre una serie di prestazioni che normalmente sono esclusiva dei sistemi top di gamma come: l’integrazione tra la tecnologia a filo e quella radio con trasmissione in doppia banda di frequenza 433/868 MHz, e il comunicatore telefonico integrato per linea telefonica normale o GSM con protocolli digitali e vocali.

La TP 4-20, come le altre centrali di nuova generazione (TP 8-64 e TP 16-256), è stata progettata per garantire all’untente la massima semplicità d’uso. Le tastiere con display LCD retroilluminato consentono un completo monitoraggio del sistema e attraverso semplici operazioni consentono la gestione dell’impianto, che può anche essere effettuata con radio-comandi o chiavi elettroniche.

Il sistema TP 4-20 è telegestibile tramite linea telefonica dall’istallatore per eseguire le varie operazioni di manutenzione, e dall’utente per monitorare e gestire l’intero impianto. L’utente può tramite linea telefonica attivare o disattivare il sistema e comandare le funzioni domotiche in modo estremamente semplificato grazie a un menù vocale guidato. Il sistema può essere inoltre monitorato e gestisto da PC con un apposito software con mappe grafiche.

 

 

Caratteristiche tecniche :

  • Contenitore plastico design Pininfarina con protezione antiapertura e antidistacco
  • Alimentazione 220V
  • Alloggiamento per batteria 12V 7Ah
  • 4 ingressi espandili a 20 filo/radio (max 16 ingressi filo – max 20 ingressi radio)
  • Programmazione ingressi indipendente per collegamento, tipo e filtro
  • 4 programmi di inserimento
  • 1 codice installatore, 1 codice utente master + 20 codici utente ausiliari
  • 16 chiavi memorizzabili singolarmente
  • 16 radio-comandi a codice variabile memorizzabili singolarmente
  • 4 programmatori orari
  • 2 fasce orarie di accesso da associare ai codici, alle chiavi e ai radio-comandi
  • Telegestibile
  • Interfaccia telefonica digitale integrata
  • Vocabolario di messaggi vocali di 80 parole
  • 8 comunicatori telefonici (1 numero principale + 1 numero di riserva ciascuno)
  • Protocolli di trasmissione selezionabili
  • Linea seriale BUS
  • Tecnologia RDV (verifica digitale allarmi a distanza). Brevetto internazionale
  • Memoria ultimi 500 eventi
  • Programmazione da consolle a LCD o PC locale/remoto
  • Antgifurti

Impianti Tecnoalarm

Tecnologia, affidabilità, semplicità di utilizzo, design. Sono queste le caratteristiche comuni a tutti i sistemi e componenti Tecnoalarm. Da oltre trent’anni Tecnoalarm è infatti costantemente impegnata a precorrere i tempi dell’innovazione, progettando sistemi antifurto ad alta tecnologia capaci di offrire sempre “qualcosa di più”. Molte delle innovazioni proposte da Tecnoalarm hanno stimolato lo sviluppo tecnologico dell’intero settore, mentre alcune particolarità esclusive, alcune delle quali oggetto di brevetti internazionali, sono disponibili soltanto sui sistemi Tecnoalarm. Tra queste segnaliamo il sistema RDV Remote Digital Verification, che consente di sapere in tempo reale e senza ombra di dubbio, se il nostro sistema antifurto è andato in allarme per una reale intrusione o per cause accidentali. In ultimo la collaborazione con Pininfarina che ha messo a disposizione di Tecnoalarm la sua esperienza per ridefinire le forme di tutti i componenti delle nuove gamme di prodotti. Oggi i componenti dei sistemi Tecnoalarm, grazie al design Pininfarina, si inseriscono con classe e discrezione in ogni ambiente divenendo, essi stessi, complementi di arredo.

1